Da Zero a Uno di Peter Thiel

Da Zero a Uno di Peter Thiel

Scritto da: Shadi Almaradi
Tratto da: Da Zero a Uno di Peter Thiel

Indice

Chi è Peter Thiel

Peter Thiel è un imprenditore, investitore e miliardario.

Nel 1998, ha co-fondato PayPal con Elon Musk. Quattro anni dopo, è stato venduto a eBay per 1,5 miliardi di dollari.

Nel 2004, è stato il primo investitore esterno di Facebook. Ha comprato il 10,2% delle azioni della società per mezzo milione di dollari. Quando Facebook è diventato pubblico nel 2012, ha venduto la maggior parte di queste azioni per oltre un miliardo di dollari.

E ha fatto investimenti early stage in altre importanti startup tecnologiche come SpaceX, Airbnb, LinkedIn, Yelp e Spotify.

Infine ha fondato Palantir di cui è l’attuale CEO.

Il libro in una frase

Da zero a uno è uno sguardo all’interno della filosofia e della strategia di Peter Thiel per rendere la tua startup un successo, guardando le lezioni che ha imparato fondando e vendendo PayPal, investendo in Facebook e diventando un miliardario nel processo.

Perchè dovresti leggere "Da Zero a Uno"

Per chiunque sia interessato all’imprenditoria e alle startup, sentirete questo libro raccomandato più e più volte. C’è una buona ragione per questo. Da zero a uno contiene molte idee fantastiche che possono cambiare il tuo modo di vedere il business e la tecnologia.

Penso che troverai queste idee utili anche se sei un principiante o un aspirante imprenditore. Ho apprezzato particolarmente le sue intuizioni sulla scelta di un mercato di riferimento e su come creare uno spazio nel mercato che ti permetta di evitare la concorrenza.

 

Da zero a uno è una guida per i chi sta lavorando ad una startup o un progetto personale. Peter Thiel condivide molte idee non convenzionali come il motivo per cui gli imprenditori dovrebbero evitare la concorrenza e invece costruire monopoli (legali). Offre anche affascinanti previsioni sul futuro della tecnologia

Da zero a uno

Capitolo 1
Da Zero a Uno: Il futuro del Progresso

Da Zero a Uno di Peter Thiel

Il progresso può assumere due forme: orizzontale cioè copiare qualcosa che funziona, passando da 1 a n. Quello orizzontale è facile da immaginare perché sappiamo già che aspetto ha. Il cambiemento verticale invece, significa fare cose nuove, passare da 0 a 1. Il progresso verticale è più difficile da immaginare perché richiede di fare qualcosa che nessun altro ha mai fatto.

progresso

A livello macro, una parola per ben simboleggia il progresso orizzontale è la globalizzazione: prendere le cose che funzionano da qualche parte e farle funzionare ovunque.

Un’altra parola che invece simboleggia il progresso verticale, da 0 a 1 è la tecnologia. Il rapido progresso della tecnologia dell’informazione negli ultimi decenni ha reso la Silicon Valley la capitale della “tecnologia” in generale. 

Tecnologia e globalizzazione

Poiché la globalizzazione e la tecnologia sono modalità di progresso diverse, è possibile avere entrambe o nessuna delle due contemporaneamente.

( Lo scopo di Legeo è quello di incuriosirti e darti una panoramica del libro. Leggere un libro dall’inizio alla fine ha tutto un altro sapore e per questo che ti lascio il link al libro nella sua versione italiana e inglese ad un prezzo speciale).

 

Se deciderai di acquistare i libri da questi link, aiuterai il blog e permetterai a Legeo la divulgazione gratuita di questi contenuti.

Se preferisci avere la versione audio, ti lascio i link per avere i primi 30 giorni di audible gratuiti. 

Padre Ricco Padre Povero Riassunto libri assolutamente da leggere Robert Kiyosaki

Pensare come una Start-up

Le nuove tecnologie tendono a provenire da nuove organizzazioni: le startup. La spiegazione più semplice per questo è pensare al contrario: è difficile sviluppare cose nuove nelle grandi organizzazioni o multinazionali, ed è ancora più difficile farlo da soli. Le gerarchie burocratiche si muovono lentamente e gli interessi radicati evitano il rischio.

All’estremo opposto, un genio solitario potrebbe creare un’opera d’arte o una letteratura classica, ma non potrebbe mai creare un’intera industria. Le startup operano in base al principio che devi lavorare con altre persone per portare a termine le cose, dove ognuno ha una conoscenza verticale su determinate capacità. Allo stesso tempo, il team deve rimanere abbastanza piccolo da poterlo gestire in modo veloce e dinamico.

Da Zero a Uno di Peter Thiel

Da Zero a Uno di Peter Thiel

Capitolo 2
Festeggia come negli anni ‘90

Negli anni 90 c’è stato il primo boom di start up tecnologiche, grazie all’avvento di internet. Uno dei principali esempi è stato Mozilla, successivamente diventato Netscape, che ha rilasciato il suo browser Navigator alla fine del 1994. L’adozione di Navigator è cresciuta rapidamente, circa il 20% nel mercato dei browser nel gennaio 1995 a quasi l’80% in meno di 12 mesi. Nell’agosto ’95 Netscape fu quotato con un IPO (Offerta Pubblica Inziale) anche se non era ancora redditizio. Dopo cinque mesi, le azioni di Netscape salirono da $ 28 a $ 174 per azione. Anche altre società tecnologiche erano in forte espansione. Yahoo! è stata quotata in borsa nell’aprile ’96 con una valutazione di 848 milioni di dollari. Amazon ha seguito l’esempio nel maggio ’97 a 438 milioni di dollari. Nella primavera del ’98, le azioni di ciascuna società erano più che quadruplicate. Le persone cominciarono ad essere scettiche sui possibili guadagni e multipli di entrate superiori a quelli di qualsiasi azienda non legata a Internet. Era facile concludere che il mercato fosse impazzito.

Lo Scoppio della Bolla

Già nel dicembre ’96, tre anni prima che scoppiasse effettivamente la bolla, il presidente della Fed (Banca Centrale Americana) Alan Greenspan avvertì che “l’esuberanza irrazionale” avrebbe avuto gravi ripercussioni nel mercato azionario. Gli investitori tecnologici erano esuberanti, ma non è chiaro se fossero così irrazionali.

Le persone avevano ragione a preoccuparsi. La crisi del rublo ha innescato una reazione a catena che ha fatto crollare il Long-Term Capital Management, un hedge fund statunitense ad alta leva finanziaria. LTCM è riuscita a perdere $ 4,6 miliardi nella seconda metà del 1998 e aveva ancora oltre $ 100 miliardi di passività quando la Fed è intervenuta con un massiccio piano di salvataggio e ha tagliato i tassi di interesse per prevenire il disastro sistemico.

PayPal Mania

Nell’autunno del ’99, PayPal aveva creato un metodo di pagamento tramite e-mail che funzionava bene: chiunque poteva accedere al sito web e trasferire facilmente denaro. Ma non c’erano abbastanza clienti e la crescita era lenta e le spese aumentavano. Perché PayPal funzionasse, bisognava attirare in massa almeno un milione di utenti. La pubblicità era troppo inefficace per giustificare il costo. I potenziali accordi con le grandi banche continuavano a fallire. Quindi abbiamo deciso di pagare le persone per iscriversi. Abbiamo dato ai nuovi clienti $ 10 per l’adesione e abbiamo dato loro $ 10 in più ogni volta che iscrivevano un loro amico. Questo ci ha portato centinaia di migliaia di nuovi clienti e un tasso di crescita esponenziale. Naturalmente, questa strategia di acquisizione dei clienti era di per sé insostenibile: quando paghi le persone per essere i tuoi clienti, una crescita esponenziale significa una struttura dei costi in crescita esponenziale.

PayPal aveva però tracciato il suo percorso verso la redditività prendendo una piccola commissione sulle transazioni dei clienti. Sapevamo che avremmo avuto bisogno di più fondi per raggiungere questo obiettivo.

( Lo scopo di Legeo è quello di incuriosirti e darti una panoramica del libro. Leggere un libro dall’inizio alla fine ha tutto un altro sapore e per questo che ti lascio il link al libro nella sua versione italiana e inglese ad un prezzo speciale).

 

Se deciderai di acquistare i libri da questi link, aiuterai il blog e permetterai a Legeo la divulgazione gratuita di questi contenuti.

Se preferisci avere la versione audio, ti lascio i link per avere i primi 30 giorni di audible gratuiti. 

La quotazione di PayPal

Cosi, il 16 febbraio 2000, il Wall Street Journal ha pubblicato una storia lodando la nostra crescita virale e valutando PayPal circa $ 500 milioni. Qualche mese dopo, Paypal raccolse 100 milioni di dollari e il nostro principale investitore ha ritenuto autorevole la valutazione del Journal.

Il NASDAQ aveva raggiunto il picco di 5.048 a metà marzo 2000 per poi precipitare a 3.321 a metà aprile. Quando toccò il fondo a 1.114 nell’ottobre 2002, il paese aveva da tempo interpretato il crollo del mercato come una sorta di giudizio divino contro l’ottimismo tecnologico degli anni ’90.

La Lezione Imparata

Gli imprenditori che sono rimasti fedeli alla Silicon Valley hanno imparato quattro grandi lezioni dal crollo del 2000.

1. Fai progressi incrementali

Grandi visioni hanno gonfiato la bolla, quindi non dovrebbero essere assecondate. Chiunque affermi di essere in grado di fare qualcosa di grande è sospetto e chiunque voglia cambiare il mondo dovrebbe essere più umile. Piccoli passi incrementali sono l’unico percorso sicuro.

2. Rimani snello e flessibile

Tutte le aziende devono essere “snelle“. Non dovresti sapere cosa farà la tua attività; la pianificazione è arrogante e inflessibile. Invece dovresti provare le cose, “iterare” e trattare l’imprenditorialità come una sperimentazione agnostica.

3. Migliora la concorrenza

Non cercare di creare un nuovo mercato prematuramente. L’unico modo per sapere di avere una vera attività è iniziare con un cliente già esistente, quindi dovresti costruire la tua azienda migliorando i prodotti riconoscibili già offerti da concorrenti di successo.

4. Concentrarsi sul prodotto, non sulle vendite

Se il tuo prodotto richiede pubblicità o venditori per venderlo, non è abbastanza buono: la tecnologia riguarda principalmente lo sviluppo del prodotto, non la distribuzione. La pubblicità dell’era delle bolle era ovviamente uno spreco, quindi l’unica crescita sostenibile è la crescita virale.

( Lo scopo di Legeo è quello di incuriosirti e darti una panoramica del libro. Leggere un libro dall’inizio alla fine ha tutto un altro sapore e per questo che ti lascio il link al libro nella sua versione italiana e inglese ad un prezzo speciale).

 

Se deciderai di acquistare i libri da questi link, aiuterai il blog e permetterai a Legeo la divulgazione gratuita di questi contenuti.

Se preferisci avere la versione audio, ti lascio i link per avere i primi 30 giorni di audible gratuiti. 

Capitolo 3
Tutte Le Aziendi felici sono diverse

Una delle domande che dovremmo porci è quale azienda di valore non sta costruendo nessuno? Il problema è che un’azienda potrebbe creare molto valore senza diventare essa stessa molto preziosa. Creare valore non è sufficiente, devi anche catturare parte del valore che crei.

Ad esempio, le compagnie aeree statunitensi servono milioni di passeggeri e creano centinaia di miliardi di dollari di valore ogni anno. Ma nel 2012, le compagnie aeree hanno guadagnato solo 37 centesimi per viaggio per passeggero. Confrontali con Google, che crea meno valore ma ne cattura molto di più. Google ha creato $ 50 miliardi nel 2012 (contro $ 160 miliardi per le compagnie aeree), ma ha mantenuto il 21% di tali ricavi come profitti. Le compagnie aeree competono tra loro, ma Google è solo. Gli economisti usano due modelli semplificati per spiegare la differenza: concorrenza perfetta e monopolio.

Concorrenza Perfette e Monopolio

I cosiddetti mercati perfettamente competitivi raggiungono l’equilibrio quando l’offerta del produttore incontra la domanda dei consumatori. Ogni azienda vende gli stessi prodotti omogenei che devono vendere tutti a qualunque prezzo il mercato determina. In condizioni di concorrenza perfetta, a lungo termine nessuna azienda realizza un profitto economico.

L’opposto della concorrenza perfetta è il monopolio. Mentre un’impresa concorrenziale deve vendere al prezzo di mercato, un monopolio possiede il proprio mercato, quindi può fissare i propri prezzi. Poiché non ha concorrenza, produce nella combinazione di quantità e prezzo che massimizza i suoi profitti.

Google è un buon esempio di azienda che è passata da 0 a 1: non ha gareggiato nella ricerca dai primi anni 2000, quando ha preso definitivamente le distanze da MicrosoftYahoo! La lezione per gli imprenditori è chiara: se vuoi creare e acquisire un valore duraturo, non costruire un’attività di materie prime indifferenziata ma crea un vantaggio competitivo.

Bugie di monopolio

Quanto del mondo è effettivamente monopolistico? Quanto è veramente competitivo? I monopolisti mentono per proteggersi.

Pensa a come Google parla della sua attività. Certamente non pretende di essere un monopolio. Ma lo è? Ebbene, dipende: monopolio in cosa? Supponiamo che Google sia principalmente un motore di ricerca. A partire da maggio 2014, possiede circa il 68% del mercato dei motori di ricerca. (I suoi concorrenti più vicini, Microsoft e Yahoo !, detengono rispettivamente circa il 19% e il 10%.) 

Supponiamo di dire che Google è principalmente una società di pubblicità. Questo cambia le cose. Il mercato pubblicitario dei motori di ricerca negli Stati Uniti è di 17 miliardi di dollari all’anno. La pubblicità online costa 37 miliardi di dollari all’anno. L’intero mercato pubblicitario degli Stati Uniti è di $ 150 miliardi. E la pubblicità globale è un mercato da 495 miliardi di dollari. Quindi, anche se Google monopolizzasse completamente la pubblicità sui motori di ricerca negli Stati Uniti, possederebbe solo il 3,4% del mercato pubblicitario globale. Da questo punto di vista, Google sembra un piccolo attore in un mondo competitivo.

“Il monopolio è la condizione di ogni impresa di successo.”

Capitolo 4 L'Ideologia della competizione

La competizione significa nessun profitto per nessuno, nessuna differenziazione significativa e una lotta per la sopravvivenza. Allora perché le persone credono che la concorrenza sia salutare? Più di ogni altra cosa, la concorrenza è un’ideologia che pervade la nostra società e distorce il nostro pensiero. Predichiamo la concorrenza, interiorizziamo la sua necessità e ne mettiamo in atto i comandamenti; e di conseguenza, ci intrappoliamo al suo interno, anche se più competiamo, meno guadagniamo

Guerra e Pace

La concorrenza costò a Microsoft e Google il loro dominio: Apple arrivò e li superò tutti. Nel gennaio 2013, la capitalizzazione di mercato di Apple era di $ 500 miliardi, mentre Google e Microsoft insieme valevano $ 467 miliardi. Solo tre anni prima, Microsoft e Google erano più preziose di Apple. La guerra è un affare costoso.

Se non riesci a battere un rivale, potrebbe essere meglio unire”

Peter Thiel fondò Confinity con il co-fondatore Max Levchin nel 1998. Nel 1999 è stato rilasciato PayPal. X.com di Elon Musk era alle nostre calcagna: gli uffici delle nostre società erano a quattro isolati di distanza in University Avenue a Palo Alto, e Il prodotto di X era molto simile a PayPal. Alla fine del 1999 eravamo in una guerra totale. Molti di noi in PayPal hanno registrato settimane lavorative di 100 ore. Senza dubbio era controproducente, ma l’attenzione non era sulla produttività oggettiva; l’obiettivo era sconfiggere X.com. 

Da Zero a Uno di Peter Thiel

La Fusione

Ma nel febbraio 2000, Elon e Peter Thiel erano più spaventati per la bolla tecnologica in rapida espansione che l’uno dell’altro: un crollo finanziario avrebbe rovinato entrambi prima che potessero finire la loro battaglia. Così all’inizio di marzo si incontrarono su un territorio neutro, e negoziarono una fusione 50-50. Come team unificato, sono stati in grado di superare il crollo delle dot-com e quindi costruire un business di successo.

Capitolo 5: Vantaggio dell'ultimo arrivato

Ci sono alcune aziende startup che non fanno molti soldi, eppure sono valutate più in alto di aziende consolidate con buoni flussi di cassa. Questo sembra illogico a prima vista, ma in realtà ci sono buone ragioni che guidano questa realtà.

Una parte importante del valore di un’azienda è quanto potenziale di profitto ha in futuro. Le aziende consolidate in mercati consolidati hanno concorrenza; i loro margini vengono intaccati dalle forze di mercato. Le startup in mercati innovativi hanno più probabilità di avere monopoli; i loro giorni migliori sono ancora davanti a loro. Quindi, anche se la startup sta perdendo soldi, potrebbe avere più valore dell’azienda affermata che ha girato un profitto l’anno scorso. La crescita va bene, ma per essere buona, bisogna resistere. Un’azienda deve sopravvivere per avere successo.

Ci sono alcune caratteristiche che sono tipiche dei monopoli. Ogni azienda è diversa, ma individuare questi elementi dovrebbe aiutarvi a identificare i monopoli quando li vedete. La tecnologia proprietaria, per esempio, può dare a un’azienda un grande vantaggio. Le aziende con una tecnologia che offre qualcosa di molto meglio del concorrente più vicino sono ben posizionate per diventare monopoli. Se la tecnologia è solo moderatamente migliore, tuttavia, allora sarà vista come un miglioramento marginale. In un mercato affollato, non impressionerà nessuno.

Le aziende diventano più forti quando diventano più grandi. Le economie di scala significano che i costi di gestione di un business, come lo spazio per gli uffici e l’ingegneria, non aumentano proporzionalmente quando l’azienda diventa più grande. I monopoli scalano bene. Le industrie ad alta intensità di lavoro, per esempio quelle che dipendono molto dal servizio clienti, non scalano bene.

La lezione è iniziare in piccolo e monopolizzare. Una volta che avete trovato la vostra nicchia, scalate.  Il vantaggio del first-mover è un altro. A volte è meglio avere l’ultimo boom significativo e cavalcarlo più a lungo. Pensa agli affari come a una partita a scacchi – la tua strategia è importante; devi considerare l’endgame per avere successo.

Capitolo 6: Tu non sei un biglietto della lotteria

Alcune persone dicono che il successo è il risultato della fortuna. Altri attribuiscono il successo al duro lavoro. Ma se il successo fosse davvero solo una questione di fortuna, non ci sarebbe chi ha avuto successo in una serie di imprese. L’argomento potrebbe non essere mai completamente risolto; non è possibile eseguire il tipo di esperimenti che sarebbero necessari per dimostrare empiricamente se il successo è il risultato della fortuna o del duro lavoro. Storicamente, comunque, la maggior parte dei grandi pensatori dice che il successo viene dal duro lavoro.

La gente oggi presta troppa attenzione al processo e non abbastanza alla sostanza. Le persone seguono le regole per il successo, perché non hanno l’ispirazione per lavorare verso un obiettivo sostanziale.

Nella nostra epoca attuale, la gente pensa che il mondo migliorerà, ma non sa esattamente come accadrà. Quindi non fanno piani. L’ottimismo indefinito include il mondo della finanza, perché nessuno sa cosa farà il mercato, ma nonostante ciò, la gente continua a investirci. Anche la politica e il governo sono diventati indefiniti, a causa dell’attenzione miope sul breve termine.

Il problema è che l’ottimismo indefinito non è sostenibile. Il futuro non può migliorare se nessuno lo pianifica. Dobbiamo tornare a un futuro definito. Abbiamo poco potere sui filosofi o sui sondaggisti politici, ma possiamo restituire un’agenzia alle nostre vite, secondo Thiel, attraverso la creazione di startup.

( Lo scopo di Legeo è quello di incuriosirti e darti una panoramica del libro. Leggere un libro dall’inizio alla fine ha tutto un altro sapore e per questo che ti lascio il link al libro nella sua versione italiana e inglese ad un prezzo speciale).

 

Se deciderai di acquistare i libri da questi link, aiuterai il blog e permetterai a Legeo la divulgazione gratuita di questi contenuti.

Se preferisci avere la versione audio, ti lascio i link per avere i primi 30 giorni di audible gratuiti. 

Da Zero a Uno di Peter Thiel

Da Zero a Uno di Peter Thiel

Hai bisogno di essere ispirato per la tua prossima lettura? Ho raccolto più di 10 libri che devi assolutamente leggere nel corso dell’anno. Dalla filosofia alla psicologia, passando per la sociologia e business, troverai una lista variegata e adatta ai tuoi interessi

i PENSIERI DI MARCO AURELIO

Possiamo considerarlo una raccolta di “Pensieri” dell’imperatore romano e filosofo stoico, ma anche una sorta di “Colloquio con sé stesso”, ossia un diario personale scritto da Marco Aurelio prima di tutto per se stesso. 

Possiamo anche guardare alle “Meditazioni” di Marco Aurelio come un libro di filosofia che racchiude molti degli insegnamenti dello stoicismo. O ancora,  come un libro di crescita personale a tutti gli effetti: una sorta di manuale di vita che dopo circa 2 millenni rimane ancora di grande attualità.

Factfulness è un libro dello statistico e medico Hans Rosling

Il libro è stato un best-seller mondiale e per molto tempo è stato classificato al primo posto nelle statistiche su Amazon, oltre ad essere presente in diversi elenchi di libri consigliati da Barack Obama. Bill Gates in particolare era così affezionato al libro che ne ha regalando una copia gratuita a tutti i laureati di un classe del 2008